Alba sul monte Vettore - Umbria

Weekend in Umbria

Foto di luigi alesi

Piccola, raccolta e soprattutto verde: questa è l’Umbria. La regione si caratterizza per il fatto di essere al centro della penisola, incastonata come uno smeraldo dove ogni tonalità di verde dipinge colline, prati e zone boschive. Ogni paesino che possiamo visitare è a sua volta un prezioso gioiello dove le mura medioevali ancora sono fieri testimoni di uno storico passato. Innegabile la bellezza che troviamo a Perugia, Gubbio, Todi, Assisi, Spoleto, Foligno, Trevi, Marmore, Castelluccio, Clitunno, Norcia, Carsulae: ognuna delle quali ha la sua nitida personalità che ammalia il visitatore.

Non terra di navigatori bensì santi

Assisi

Pare indissolubile il rapporto che intercorre tra l’Umbria e la cristianità. Questa terra ha visto essere calpestata dal Santo di Assisi, quel Francesco che si spogliò di tutti i suoi beni materiali per abbracciare una fede che lo avvicinava a Dio ed al Creato. Ma è terra anche di Santa Chiara, di Santa Rita da Cascia e di San Benedetto da Norcia che tante tracce hanno lasciato del loro passaggio. In questi territori rigogliosi di natura, anche il Cielo pare essere più vicino all’uomo e lo ritrovi nei silenzi di Conventi ed Abbazie, negli Eremi e nelle Chiese che qui non sono solo luoghi di culto. E’ particolare il rapporto che l’Umbria ha con la religione anche ai giorni d’oggi dove il visitatore può assaporare la serenità e la pace di un mondo che appare come immobile e fuori dai frenetici ritmi di una società sempre meno presente alle necessità dell’essere, spodestata com’è da quella illusoria e fittizia dell’apparire e dell’avere.

Gastronomia slow

'Wine Break', Italy, Appennini, Umbria, Castelluccio di Norcia
Foto di Chris Ford

E’ l’Umbria, una terra dove si mangia bene. C’è solo l’imbarazzo della scelta su cosa mangiare da queste parti. Dal prelibato tartufo nero celebrato in quasi tutte le zone dove trova terra fertile per nascere e proliferare fino ad arrivare alla kermesse di ogni tipo di insaccato che da qui, ha preso la via della sua produzione e vendita. E’ sufficiente pensare che i norcini sono così chiamati in tutta Italia per il semplice fatto che i venditori di prosciutti ed insaccati provenivano in gran parte da Norcia, dove avevano appreso l’arte di preparare queste delizie dopo averle conciate con aromi le cui miscele, spesso, erano un segreto che si tramandavano di generazione in generazione.
Le famose salsicce di carne di cinghiale, quelle di maiale, il prosciutto crudo di Norcia, i tipici cojoni di mulo (non fatevi ingannare dall’equivoco nome) e i salumi, componevano il panorama di quei sapori così gustosi ed apprezzati che riempivano panini e tavolate. Ma in Umbria c’è anche un favoloso olio extravergine d’oliva molto apprezzato per il suo aroma, formaggi delicati come la ricotta salata, morbide caciotte e pecorini saporiti , le celebri lenticchie di Castelluccio e, ovviamente il re della tavola, il tartufo.
Cuochi stellati provengono da questa regione dove hanno appreso i rudimenti di una gastronomia decisa che sazia lo stomaco ed intenerisce il palato, a testimonianza che qui la cucina è davvero slow perché va degustata e non solamente consumata.

Sagre che passione!

Umbria Gubbio - Sbandieratori

L'Umbria è terra di sagre che si rincorrono l'un l'altra tutto l'anno. Non c’è paese e cittadina che non celebri la sua sagra all’interno della quale si svolge sempre un mercatino e degli eventi collaterali che sono organizzati a favore dei turisti che ben volentieri partecipano a queste kermesse. Alcune sagre che si svolgono durante l’anno sono: La storia de templari raccontata a San Bevignate; Subasio con gusto a Spello; Sweet Torgiano a Torgiano; la festa del Tulipano a Castiglion del Lago; BioUmbria-Art a Perugia; Sagra della Polenta a Viepri;  Sagra delle Merangola a Piana; la Sagra dell'Acciaccata a Fornole; la Festa del prosciutto a Pianello; la famosa corsa dei Ceri a Gubbio; la sagra del Tartufo a Norcia; la sagra del cioccolato a Perugia. Ce n’è di che riempire la propria agenda per trascorrere un week end alla ricerca di sapori, gusti, divertimenti, cultura, gastronomia, mercatini perché l’Umbria vuole assicurare a tutti ogni tipo di interesse.

Articoli correlati


Villa Bigio
Assisi
Foto di Villa Bigio
Per girare a piedi la splendida Assisi scegliere di alloggiare in una comoda sistemazione economica del centro è l'ideale
La visita di Perugia deve essere fatta camminando per le vie del centro dove potrete scegliere un'economico b&b per godervi al meglio la c..
Orvieto è una città umbra in provincia di Terni ed è un capolavoro arroccato sulla collina con un incantevole Duomo in stile gotico
Castello Delle Regine
Terni
Recensione delle migliori cantine di Terni dove poter degustare i vini prodotti e conoscerne la storia
Cantina Blasi
Perugia
Recensione delle migliori cantine di Perugia dove poter degustare i vini prodotti e conoscerne la storia
Recensione dei bed and breakfast di Orvieto più romantici e ricchi di fascino, ideali per una fuga d'amore del week end
La casa del Melograno
Foligno
Recensione dei bed and breakfast di Foligno più romantici e ricchi di fascino, ideali per una fuga d'amore del week end
Il cavaliere
Foligno
Foto di Il cavaliere
Foligno, una città a misura d'uomo, in cui fare lunghe passeggiate e ... una cena a lume di candela in uno dei ristoranti romantici più ..
I migliori ristoranti romantici di Gubbio perfetti per trascorrere una piacevole serata
Nella splendida cornice di una antica città etrusca, ecco Orvieto ed i suoi ristoranti romantici più belli

Cosa mangiare in Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Cicerchiata
Dolce di pasta di farina, uova, burro e zucchero dal quale si ricavano piccole palline da friggere nell'olio d'oliva. Scolate, vengono disposte a mucchio e ricoperte di miele.
guarda
Ciaramicola
Dolce di pasta a forma ciambella rotonda a base di farina, zucchero, latte al quale si aggiunge alchermes.
guarda
Parmigiana di gobbi
Cardo lessato e fritto con farina e uova sbattute e poi a striscioline, disposto a strati in una teglia con besciamella e sugo di pomodoro e cotto al forno.
guarda
Prosciutto di Norcia
Tipico della tradizione norcina questo prosciutto, ricavato dalla coscia posteriore del maiale, è caratterizzato dal suo sapore particolarmente sapido.
guarda
Cojoni di mulo
Insaccato dalla tipica forma a sacchetta che caratterizza la norcineria proveniente appunto da Norcia.
guarda
Galantina
Gallina disossata ed eviscerata, la cui pelle viene riempita con macinato di pollo e manzo, uova lessate, pepe, formaggio, noce moscata e pistacchi sgusciati e poi cotto in brodo.
guarda
Strangozzi al tartufo
Simili alle tagliatelle ma prive di uova e più spesse ma anche più corte vengono impreziosite con scaglie di tartufo nero di Norcia oppure con lo scorzone estivo.
guarda
Salsicce di cinghial..
Tipico prodotto norcino dove l’impasto è a base di maiale con l’aggiunta di una buona parte di macinato di cinghiale selvatico.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK