Weekend a Parma

Musica, cultura e buona tavola, benvenuti a Parma. Weekend culturale ed enogastronomico tra teatri, cattedrali, insaccati e buon vino.

Parma

Parma è musica, cultura e buona tavola. Queste le tre parole chiave che stanno alla base di una visita ben organizzata. Tante le cose da osservare, moltissime quelle da ascoltare, infinite quelle da assaggiare; ma andiamo per ordine.

Da vedere assolutamente è il Teatro Farnese le cui origini risalgono al primo ventennio del 1600 fatto costruire da Ranuccio I° duca di Parma e Piacenza.

E’ stato eretto al primo piano del Palazzo della Pilotta. Il teatro venne inizialmente dedicato a Bellona, dea della guerra, in ricordo della destinazione d’uso precedente di quello spazio: era infatti una sala d’armi e sede di tornei. La struttura è stata realizzata completamente in legno e ricoperto di stucchi per simulare i marmi più pregiati. Nonostante la bellezza del luogo questo teatro fu sempre poco utilizzato a causa degli elevati costi per gli allestimenti degli spettacoli. È stato riportato agli antichi splendori tra il 1956 e il 1960 seguendo i disegni originali, dopo che un bombardamento lo distrusse completamente

Pochi passi e tante cose da gustare a pieno, come la Pilotta, che si trova tra Piazzale della Pace e il Lungoparma ed era il luogo in cui i soldati spagnoli giocavano originariamente alla “pelota basca”. Proprio da qui il palazzo prende il suo nome. L’insieme di edifici si sviluppa in tre splendidi cortili chiamati Pilotta, Guazzatoio e Racchetta.

Tornando poi ai teatri non si può non far riferimento al “Teatro Regio”, tempio verdiano per eccellenza: una struttura monumentale dal fascino indiscutibile e dallo stile neoclassico. Questo luogo simbolo della città  è punto di riferimento a livello nazionale per la lirica e le opere musicali.

All’interno della sala principale si trovano quattro ordini di palco, il loggione e la platea. Spaziando con gli occhi non si può non notare l’enorme lampadario in bronzo forgiato dalle officine parigine.

La grazia eccellente di questo teatro si accompagna alla storica severità del pubblico parmense, particolarmente preparato e per questo considerato ormai a livello internazionale il “banco di prova” per le opere liriche e musicali.  Da ultimo ma non meno importante, è possibile visitare, salvo prove o spettacoli, anche camerini, sartoria e sala della scenografia, dove quotidianamente operai e artigiani sono al lavoro per tenere in moto la macchina teatrale.

Una cucina decantata anche da Boccaccio nel Decameron

Parma
Foto di Matt Lewis

Visita obbligatoria alla cattedrale di Parma che sorge a fianco del battistero nel cuore della città, in piazza Duomo. L’ingresso alla chiesa è gratuito e di per sé questo è già un invito ad entrare, ma  una volta varcata la soglia vi renderete conto di che meraviglie si celano dietro l’austera struttura romanica.

Cupola affrescata da Correggio, deposizione dell’Antelami sono già due elementi che certificano la bellezza di questo luogo. Ogni dettaglio è da osservare nei minimi particolari, dalla pietra lavorata, all’organo, dalla cripta, al coro finemente intarsiato, dagli affreschi alla scalinata che porta all’altare, insomma, uno spettacolo per gli occhi e per lo spirito.

Come non parlare poi del battistero, splendido edificio ottagonale in marmo con tre meravigliosi portali tutti da osservare con attenzione. Una visita vale ben di più dei 6 € chiesti per il biglietto di ingresso. Il battistero è un esempio mirabile di arte e architettura, considerato addirittura l’anello di congiunzione tra la composizione greca e quella gotica. Per capire la meraviglia dell’opera è necessario prendersi una pausa, sedersi ed alzare gli occhi al cielo e si rimarrà letteralmente incantati.

Dopo aver nutrito lo spirito ed aver passeggiato per le vie del centro è necessario nutrire anche il corpo: Parma è considerata all’unanimità una delle capitali della buona tavola. La sua tradizione enogastronomica è riconosciuta in tutto il mondo e si fonda su formaggi e burro ma non per questo risulta pesante o stucchevole. Ad un ottimo prosciutto, tanto per cominciare si può accompagnare la variante locale dello gnocco fritto, qui ribattezzato “torta fritta”.

La cucina parmense spazia da primi piatti ricchi ed intensi, buona parte a base di paste ripiene a secondi ricchi e corposi, come lo stracotto, il bollito misto e la trippa parmigiana. Per gli amanti della buona tavola Parma è senz’altro un punto di riferimento e la sua tradizione, specie nella cultura degli insaccati, ha fatto scuola e proseliti in tutta Italia e nel mondo. Oltre al famosissimo prosciutto non c’è da dimenticare il Culatello di Zibello, così come il salame felino, la spalla cotta e l’internazionale Parmigiano, noto fin dai tempi del boccaccesco Decamerone. Per concludere con un trionfo di gusto e sapori, da provare assolutamente è la Spognata di Busseto, una friabilissima pasta sfoglia riempita con marmellata di mele o pere, frutta candita e mandorle; non a caso questo dolce è stato riconosciuto come prodotto tipico dallo stesso Ministero delle Politiche Agricole italiano. Ad accompagnare un pasto eccezionale c’è una vasta proposta di vini, che va dal Lambrusco, al Fortana, leggero e frizzante, alla Malvasia di Maiatico, fino al Sauvignon.

Le piazze medioevali più belle d'Italia
Piazza del Duomo a Parma è una tra le più belle piazze medioevali d'Italia. Fanno parte di questa classifica anche Piazza IV Novembre a Perugia, Piazza del Duomo a Pistoia, Piazza della Cisterna e Piazza del Duomo a San Gimignano, Piazza del Campo a Siena, Piazza Duomo a Trento, Piazza delle Erbe e Piazza dei Signori a Verona, Piazzetta san Pellegrino a Viterbo, Piazza dei Priori a Volterra, Piazza Vecchia e Piazza del Duomo a Bergamo, Piazza Inferiore e Piazza Superiore di San Francesco ad Assisi, Piazza Grande ad Arezzo, Piazza Silvestri a Bevagna, Piazza Matteotti a Castell'Arquato, Piazza del Comune a Cremona, Piazza del Comune a Fabriano, Piazza della Signoria a Firenze, Piazza della Signoria a Gubbio, Piazza San Martino a Lucca, Piazza Sordello a Mantova, Piazza Garibaldi a Massa Marittima, Piazza della Frutta e Piazza delle Erbe a Padova, Piazza del Duomo a Pisa, Piazza del Duomo a Spoleto, Piazza del Popolo a Todi e la Piazza di Torcello.

Articoli correlati

Trattoria Antichi Sapori
Parma
L’incantevole Parma può offrire dei magnifici momenti soprattutto a chi è innamorato.
guarda
Fidenza Village
Parma
Recensioni ed indirizzi dei migliori outlet di Parma, per tutte coloro che amano fare shopping nel weekend.
guarda
Villino di Porporano
Parma
Recensione dei bed and breakfast di Parma più romantici e ricchi di fascino, ideali per una fuga d'amore del week end.
guarda
Casale Del Groppone
Parma
Recensione delle migliori cantine di Parma dove poter degustare i vini prodotti e conoscerne la storia.
guarda
Se amate la pizza realizzata con ingredienti genuini, venite a scoprirla in una delle migliori pizzerie di Parma
guarda
Parma è una città a dimensione d’uomo, con un centro storico di notevole importanza che va vissuto con tranquillità e soggiornare in ..
guarda

Cosa visitare nei dintorni di Parma Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Parma Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Zuppa di anguille
Tipico piatto di Comacchio dove le anguille si preparano con cipolla, odori, pomodori, scorza di limone e aceto.
guarda
Piadina
Semplice impasto di farina, strutto e sale trasformato in un disco cotto su un piano di pietra e servito guarnito di prosciutto e squaquarone
guarda
Lasagne alla bolognese
Famoso in tutto il mondo. Preparato con sfoglia all’uovo rettangolari poste in una pirofila alternando strati di ragù, besciamella e Parmigiano Reggiano grattugiato e cotte al forno.
guarda
Prosciutto
Insaccato prodotto dalla coscia del maiale che viene conciata e stagionata in appositi depositi. Il più famoso per la sua dolcezza è quello di Parma.
guarda
Cappellacci
Piatto ferrarese a di base è la zucca. La loro forma ricorda, cappelletti e tortellini e vanno serviti o in brodo o burro e salvia.
guarda
Squacquerone
E’ un formaggio fresco e cremoso di colore bianco caratteristico Romagnolo, oggi diffuso non solo in Emilia Romagna . Si usa metterlo sulle piadine.
guarda
Tortellini in brodo
Piatto tipico emiliano e composti da sfoglia ripiena di carne, prosciutto, mortadella, uova, parmigiano e aromi e poi cotti nel brodo.
guarda
Tagliatelle al ragù
Si deve fare rosolare nel burro la carne di vitello tritata, prosciutto, carota, sedano, cipolla, pomodori e facendo cuocere il sugo che condirà le tagliatelle preparate in casa.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK